Whatsapp è sicuro? Una guida rapida.

Regalare
Whatsapp è sicuro? Una guida rapida.
Regalare

WhatsApp ci permette di comunicare superando grandi distanze. Come accade con altre app di messaggistica, però, i tuoi messaggi potrebbero essere letti da sconosciuti, o usati per scopi di cui non sei a conoscenza. Desideri scoprire se WhatsApp è sicuro? Allora sei nel posto giusto.

Che cos’è un’app di messaggistica?

Le app di messaggistica sono fantastiche. Ci permettono di restare in contatto con i nostri cari a costi molto contenuti. Poiché non richiedono una connessione alla rete telefonica, puoi usarle in Wi-Fi. Alcune consentono anche di effettuare chiamate via internet, eliminando così il bisogno di un contratto telefonico costoso. Adesso puoi passare a un piano ricaricabile e ridurre le tue spese.

Tuttavia, sempre più aziende sfruttano le proprie app di messaggistica per raccogliere dati. Di conseguenza, non puoi sapere con certezza se i tuoi messaggi privati sono poi così privati. Prendiamo ad esempio WhatsApp. È di gran lunga l’app di messaggistica più diffusa al mondo. Se sei uno dei suoi 1,6 miliardi di utenti, potresti aver sentito alcune delle notizie negative al riguardo, tra cui il fatto che adesso WhatsApp condivide tutti i tuoi dati con Facebook. In realtà, è una questione un po’ più complessa.

WhatsApp è sicuro? E quali sono le altre opzioni se stai cercando un’app di messaggistica crittografata? Continua a leggere per scoprirlo.

 

Che cos’è un’app di messaggistica crittografata?

 

Per capire se WhatsApp è sicuro o meno, è importante capire le basi della crittografia. Niente paura: non ti confonderemo con dettagli matematici o tecnici. Di base, la crittografia è semplice. Si tratta di prendere un messaggio e modificarlo seguendo un sistema preciso. Diciamo di voler crittografare la parola “prova”. Ora, cambiamo ogni lettera con quella alla sua destra sulla tastiera. Adesso è diventata “ètpbs”. Congratulazioni! Hai appena crittografato un messaggio.

Ti sarà capitato di fare esperimenti simili a scuola. È una forma molto semplice di crittografia. C’è un messaggio e un metodo sistematico di cambiare ogni sua lettera. Il metodo è definito “chiave”. La chiave è necessaria per poter rendere il messaggio nuovamente leggibile. La versione più famosa di questo tipo di crittografia fu usata da Giulio Cesare.

Il problema di questo tipo di crittografia è che la sua natura sistematica la rende facile da infrangere. Soprattutto con la potenza di calcolo disponibile al giorno d’oggi. Un computer può semplicemente provare tutte le chiavi possibili fino a individuare quella giusta. Questo metodo è detto brute force (“forza bruta”).

Le app di messaggistica crittografata moderne impiegano algoritmi crittografici più complessi. Spiegare come funzionano nel dettaglio non è così semplice per i non addetti ai lavori. Se vuoi saperne di più, dai un’occhiata a questo PDF. In parole povere, esistono talmente tante possibili variazioni della chiave che è impossibile per un computer provarle tutte con un attacco brute force.

Un altro elemento fondamentale delle app di messaggistica crittografata è la crittografia “end-to-end”. Ciò significa che è quasi impossibile intercettare la chiave per decrittare il messaggio. In teoria, la crittografia moderna combinata con la strategia end-to-end rende i tuoi messaggi impossibili da leggere, eccetto per te e il destinatario.

 

WhatsApp è sicuro?

 

Sapendo tutto ciò, possiamo ancora dire che WhatsApp è sicuro? Per cominciare, WhatsApp impiega la crittografia end-to-end, quindi non può leggere i tuoi messaggi, né condividerli con Facebook. In questo senso, WhatsApp è tuttora una delle app di messaggistica più sicure al mondo. La crittografia di WhatsApp garantisce che i tuoi messaggi restino privati.

Tuttavia, l’azienda si riserva il diritto di raccogliere altri dati, tra cui la tua posizione geografica generale, ma non esatta. Raccoglie anche informazioni su come usi l’app, ad esempio, a quanti utenti invii messaggi e quanto spesso. Tutte queste informazioni possono essere usate da WhatsApp, da Facebook e dalla loro società madre, Meta, per migliorare i propri servizi ma anche per vendere pubblicità mirata. Per maggiori informazioni sulla quantità di dati raccolti da WhatsApp, consulta il sito web ufficiale.

In definitiva, possiamo confermare che WhatsApp raccoglie dati e li condivide con Facebook. Ma raccoglie molti meno dati rispetto a Facebook stessa, o ad app e siti come Instagram, Twitter, TikTok o Google. Se usi questi altri servizi, WhatsApp non dovrebbe essere la tua preoccupazione principale in materia di protezione dei dati. In altre parole, WhatsApp è sicuro da usare anche oggi.

Ma se il legame tra WhatsApp e Facebook ti preoccupa, o semplicemente stai cercando opzioni più sicure, esistono alcune alternative da prendere in considerazione.

 

Telegram vs. WhatsApp

 

Telegram è una delle app di messaggistica più usate dopo WhatsApp. La sua popolarità è dovuta a un paio di motivi. Telegram offre una funzionalità di chat segreta, che sfrutta la crittografia end-to-end e in aggiunta impedisce ai messaggi di essere salvati in back-up su un cloud. I messaggi esistono quindi solo sui telefoni di mittente e destinatario. In più, le funzionalità più amate di Telegram includono le chat di gruppo e i messaggi autodistruggenti. Quindi, Telegram è sicuro? In generale, sì. Il principale svantaggio di Telegram risiede nel fatto che la crittografia end-to-end non è l’opzione predefinita: è necessario attivare la chat segreta per utilizzarla.

 

Vantaggi di Telegram:

  • Chat segreta
  • Messaggi autodistruggenti

Svantaggi di Telegram:

  • La crittografia end-to-end non è l’opzione predefinita
  • Se non attivi la chat segreta, Telegram raccoglie metadati

 

Signal vs. WhatsApp

 

Signal è spesso indicato come lo standard di riferimento per le app di messaggistica sicura. Quindi, Signal è sicuro? La crittografia di Signal è affidabile e attivata di default. Come Telegram, anche Signal offre la funzionalità dei messaggi autodistruggenti. E soprattutto, è un software non-profit: per questo, non c’è motivo di raccogliere dati, non ci sono pubblicità e nemmeno tracker segreti. L’unico svantaggio? È l’app meno usata delle tre incluse in questo confronto.

 

Vantaggi di Signal:

  • Crittografia end-to-end attiva di default
  • Messaggi e file autodistruggenti
  • Non raccoglie metadati

Svantaggi di Signal:

  • Il bacino di utenza più ristretto tra le app di messaggistica confrontate

 

Qual è l’app messaggistica più sicura nel 2021?

 

Se stai cercando l’app messaggistica più sicura sul mercato, Signal vince a mani basse. Ma se vuoi semplicemente contattare i tuoi amici, usare WhatsApp è perfettamente sicuro.

Naturalmente esistono anche altre app di messaggistica che puoi provare. In alcune di queste, come Facebook Messenger, la crittografia end-to-end non è attivata di default. Altre, invece, hanno ancora meno utenti di Signal. Se stai cercando un confronto completo tra le app di messaggistica presenti sul mercato, lo trovi qui.


Scritto da

Ravian Ruys