Wi-Fi gratis: come restare connessi e risparmiare

Gasto inteligente
Wi-Fi gratis: come restare connessi e risparmiare
Gasto inteligente

Prima o poi succede a tutti: stai cercando indicazioni stradali, guardando un video divertente o inviando foto a un amico, e improvvisamente hai finito i giga. Certo, oggi , ma a volte non è possibile per questioni di budget. Oppure sei in viaggio all’estero e il tuo piano tariffario prevede una soglia massima per il traffico dati. Allora come restare connessi a internet senza dover tornare a casa o in hotel?

Che cos’è un hotspot Wi-Fi?

Il termine “hotspot” indica un dispositivo dotato di connettività Wi-Fi che consente a smartphone, tablet e computer di collegarsi a internet senza fili. Gli smartphone odierni consentono di condividere la propria connessione a internet tramite una funzionalità chiamata proprio “hotspot”: una possibilità pratica ed efficace per offrire aiuto a un amico per qualche minuto, ma certamente non ideale per periodi estesi, soprattutto se il tuo piano dati è limitato. Per questo, alcune persone installano un hotspot in auto, ad esempio, per avere a disposizione una connessione aggiuntiva da condividere con i propri compagni di viaggio evitando di esaurire il proprio pacchetto dati.

 

Ma cosa fare quando ti ritrovi da solo, senza nemmeno un megabyte di traffico e magari all’estero? È proprio questo il caso in cui si rivelano utili gli hotspot Wi-Fi pubblici. Ti sarà capitato di vedere adesivi con scritto “Free Wi-Fi” presso diversi esercizi commerciali, o forse anche di collegarti alla rete di un bar o di un ristorante per lavorare o semplicemente per risparmiare dati: queste reti Wi-Fi sono perfetti esempi di hotspot, ma certamente non gli unici. Le connessioni Wi-Fi gratis sono molto diffuse in tutto il mondo e solitamente sono disponibili in luoghi aperti al pubblico come biblioteche, università, fiere, aeroporti, stazioni e in alcuni casi persino piazze o mezzi pubblici.

 

Gli hotspot pubblici nel mondo

 

Ad oggi, sul pianeta si trovano centinaia di milioni di hotspot pubblici. I migliori Paesi in cui navigare gratis sono tutti in Europa: al primo posto spicca la Lituania, in cui le reti Wi-Fi gratis godono di una diffusione capillare anche nelle aree più remote, e offrono velocità di download fino a 15 Mbps. Niente male per un Paese con meno di tre milioni di abitanti! Ma se il mar Baltico non è nella tua lista di destinazioni da sogno, niente paura: al secondo posto c’è la Croazia. In questo paradiso affacciato sull’Adriatico potrai collegarti a internet in tutta semplicità, grazie agli hotspot diffusi e veloci. Niente di meglio per postare istantaneamente le foto della tua vacanza invidiabile.

In termini di velocità, però, nessuno supera la Corea del Sud, dove la media si attesta sui 28,6 Mbps. Con una connessione così svelta puoi tranquillamente guardare video e film in streaming ad alta definizione, senza quelle irritanti pause per il buffering dei contenuti.

 

Ma come trovo una rete Wi-Fi gratis vicino a me?

 

Se ti trovi in un esercizio pubblico che offre questo servizio, naturalmente puoi rivolgerti al personale per chiedere il nome ed eventualmente la password dell’internet hotspot a cui desideri connetterti. E se hai bisogno di collegarti rapidamente ma non hai tempo di ordinare qualcosa da mangiare, o magari è notte fonda ed è tutto chiuso? In questi casi puoi visitare siti come WiFi Map, dove sono riportate numerose reti Wi-Fi gratis e accessibili liberamente. Per alcuni hotspot è richiesta una password, che potrai scoprire scaricando l’app disponibile per iOS e Android. Dal momento che avrai bisogno di una connessione a internet per consultare il database, ti suggeriamo di fare ricerca prima di uscire per individuare alcuni hotspot nei luoghi che hai intenzione di visitare, o di assicurarti di conservare alcuni megabyte del tuo pacchetto a questo scopo.

 

Nel Belpaese puoi sempre avvantaggiarti di WiFi Italia, un’iniziativa del Ministero dello sviluppo economico volta a rendere internet più accessibile a tutti i cittadini. Proprio come su WiFi Map, è possibile consultare una mappa sul sito web o scaricare l’app per avere sempre a disposizione un’alternativa alla tua connessione mobile.

 

Internet gratis e sicurezza

 

Se non ne avevi mai sentito parlare, dopo aver letto questa guida l’hotspot Wi-Fi gratuito ti sembrerà un concetto fantastico. Purtroppo, questo parere è condiviso anche dagli hacker. Le reti senza autenticazione sono spesso bersaglio dei malintenzionati, che possono introdursi nella connessione e appropriarsi dei tuoi dati sensibili senza che tu te ne accorga. Fortunatamente, esistono alcuni strumenti che puoi usare per mettere i bastoni tra le ruote ai criminali e proteggerti anche durante l’uso di reti pubbliche.

La scelta più semplice e sicura consiste nell’utilizzare una VPN. Questo sistema rende i dati in transito invisibili, permettendoti di condividere anche dati sensibili (ad esempio, il tuo numero di carta di credito se stai effettuando un acquisto online) senza che possano essere intercettati da nessuno. Solitamente si tratta di un servizio a pagamento, ma nel caso di TunnelBear, con un piano gratuito avrai a disposizione 500 megabyte di traffico protetto al mese.

Se 500 megabyte non ti bastano, hai alcune alternative. Innanzitutto, ti consigliamo di utilizzare unicamente connessioni HTTPS. Sul tuo browser, questo è facile da verificare: basta guardare nella barra dell’indirizzo. Se è presente un’icona a lucchetto, o l’URL inizia con “https”, non hai nulla di cui preoccuparti, in quanto significa che i dati trasmessi sono crittografati. Se la connessione non è HTTPS o stai usando un’app diversa dal browser, puoi comunque limitare i rischi evitando di trasmettere dati sensibili durante l’uso di un hotspot. Una semplice ricerca su Google o un aggiornamento del tuo feed di Instagram non dovrebbe causare problemi, ma indubbiamente è meglio rimandare un acquisto online o le operazioni di home banking al momento in cui avrai di nuovo una connessione protetta.


Scritto da

Ravian Ruys